Camera di Commercio di Ferrara

Supporto-Specialistico

Infogrammi interattivi della Camera di Commercio di Ferrara

Linea Amica

 
Azioni sul documento

Contratto di rete

ultima modifica 15/02/2017 12:50
2.66666666667

contratti di reteIl Contratto di rete è stato introdotto nell'ordinamento italiano con l'art. 3 del decreto legge 10 febbraio 2009, n. 5 convertito, con modificazioni dalla Legge 9 aprile 2009, n. 33.

La normativa ha subìto, nel tempo, numerose modifiche. Recentemente, con l'art. 45 del decreto legge n. 83/2012, convertito nella legge n. 134/2012 sono state introdotte importanti innovazioni rispetto alla disciplina previgente.
In particolare, è stata riconosciuta al contratto di rete la possibilità, nel caso in cui venga costituito un fondo patrimoniale comune e  un organo comune destinato a svolgere attività con i terzi, di acquisire soggettività giuridica.

Cos'è il contratto di rete

Il contratto di rete può essere definito genericamente come un negozio che genera un fenomeno di aggregazione tra imprese al fine di instaurare una reciproca collaborazione per accrescere, individualmente e collettivamente, la propria capacità innovativa e competitiva sul mercato. Si tratta in pratica di un contratto plurilaterale di cooperazione interaziendale.

Forma dell'atto e "modello standard"

La legge 134/2012 di conversione del decreto legge n. 83/2012 ha modificato il comma 4-ter dell'art. 3 del DL n. 5/2009, stabilendo che, ai fini degli adempimenti pubblicitari, il contratto di rete deve essere redatto per atto pubblico o per scrittura privata autenticata, ovvero per atto firmato digitalmente a norma degli art. 24 o 25 del C.A.D. (D.Lgs. 82/2005 e successive modificazioni) da ciascun imprenditore o legale rappresentante delle imprese aderenti e trasmesso ai competenti uffici del registro delle imprese attraverso il modello standard tipizzato con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e con il Ministro dello sviluppo economico. Il modello dovrà contenere le informazioni indicate nel comma 4 ter lettere a), b), c), d), e), f) del citato articolo 3.

Approvato il modello standard

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 196 del 25 agosto il Regolamento del Ministero della Giustizia (Decreto 10 aprile 2014, n. 122) "recante la tipizzazione del modello standard per la trasmissione del contratto di rete al Registro delle imprese".

Il modello può essere trasmesso attraverso la procedura telematica resa disponibile in apposita area del sito www.registroimprese.it, tramite la medesima procedura è possibile trasmettere eventuali allegati come indicato dal decreto.

Per dare piena attuazione alla nuova procedura mancavano ancora le specifiche tecniche ora approvate con decreto del MISE  in data 07/01/2015 . La nuova procedura è resa operativa a seguito della pubblicazione del decreto stesso sul sito internet del  Ministero nonché sul sito www.registroimprese.it.

Per maggiori dettagli si rimanda al testo del decreto e relativo allegato A.

Per tutte le informazioni, strumenti, riferimenti normativi consultare il sito www.registroimprese.it e il portale dedicato ai contratti di rete http://contrattidirete.registroimprese.it.

 

Tipologie di contratto di rete

Con le recenti modifiche introdotte con la Legge 134/2012 si possono individuare due tipologie di contratti di rete:

  1. contratto di rete senza costituzione di fondo patrimoniale comune e organo comune destinato a svolgere l’attività con i terzi;
  2. contratto di rete con costituzione di fondo patrimoniale comune e organo comune destinato a svolgere l’attività con i terzi.

Contratto di rete senza costituzione di fondo patrimoniale comune e organo comune

Se viene costituita una rete senza costituzione del fondo patrimoniale comune e dell'organo comune destinato a svolgere l'attività con i terzi, il contratto di rete è soggetto a iscrizione nella sezione del registro delle imprese presso cui è iscritto ciascun partecipante. L’efficacia del contratto inizia a decorrere da quando è stata eseguita l’ultima delle iscrizioni prescritte a carico di tutti coloro che ne sono stati sottoscrittori originari.

Modalità di iscrizione

Termine nessuno
Legittimati notaio, amministratore/titolare, professionista ex l. 340/00, procuratore speciale
Modello

per le società - Mod. S2 - Codice atto A27 contratto di rete – riquadro 30/reti di imprese (per ora riquadro previsto solo in Starweb)
per le imprese individuali: - Mod. I2 - Codice atto A27 contratto di rete – riquadro 32/reti di imprese (solo Starweb)

Diritti di segreteria
  • € 90 per iscrizione del contratto da parte dell’impresa di "riferimento” (indipendentemente dalla natura giuridica dell’impresa stessa);
  • € 18 per iscrizione del contratto da parte di ciascuna delle imprese “aderenti” (indipendentemente dalla natura giuridica dell’ impresa).

Bollo

Applicazione dell'imposta di bollo secondo la normativa vigente

Modifiche al contratto di rete

Le modifiche al contratto di rete, sono redatte e depositate per l'iscrizione, a cura dell'impresa indicata nell'atto modificativo, nella sezione del registro delle imprese presso cui è iscritta la stessa impresa. L'ufficio del registro delle imprese provvede alla comunicazione della avvenuta iscrizione delle modifiche al contratto di rete, a tutti gli altri uffici del registro delle imprese presso cui sono iscritte le altre partecipanti, che provvederanno alle relative annotazioni d'ufficio della modifica.

Le modalità di iscrizione, presso il registro delle imprese dell’impresa (di “riferimento”) indicata nell’atto modificativo sono le seguenti:

Termine nessuno
Legittimati notaio, amministratore/titolare, professionista ex L. 340/00, procuratore speciale
Modello

per le società - Mod. S2 - Codice atto A27 contratto di rete – riquadro 30/reti di imprese (per ora riquadro previsto solo in Starweb)
per le imprese individuali: - Mod. I2 - Codice atto A27 contratto di rete – riquadro 32/reti di imprese (solo Starweb)

Diritti di segreteria

€ 90 per iscrizione delle modifiche al contratto da parte dell’impresa (di “riferimento”) indicata nell’atto modificativo (indipendentemente dalla natura giuridica dell’impresa stessa)

Bollo

Applicazione dell'imposta di bollo secondo la normativa vigente

Le procedure suddette, relative alle modifiche del contratto di rete, valgono anche per la cancellazione del contratto stesso.

Contratto di rete con costituzione di fondo patrimoniale comune e organo comune - Deposito situazione patrimoniale

Se il contratto prevede l'istituzione di un fondo patrimoniale comune e di un organo comune destinato a svolgere un'attività, anche commerciale, con i terzi, la rete può iscriversi (in alternativa alle modalità di cui sopra) nella sezione ordinaria del registro delle imprese nella cui circoscrizione è stabilita la sua sede. Con l'iscrizione nel registro delle imprese la rete acquista soggettività giuridica.

Al fondo patrimoniale comune si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni sul fondo consortile di cui agli articoli 2614 e 2615, secondo comma, del codice civile. In ogni caso, per le obbligazioni contratte dall'organo comune in relazione al programma di rete, i terzi possono far valere i loro diritti esclusivamente sul fondo comune.

calcolatricepuzzlecasetta.jpgL'art. 3 comma 4 ter, n.3), così come modificato dall'art. 17 della Legge 28 luglio 2016 n. 154, prevede che qualora la rete d'imprese abbia acquisito la soggettività giuridica ai sensi del comma 4-quater, entro due mesi dalla chiusura dell'esercizio annuale l'organo comune redige una situazione patrimoniale, osservando, in quanto compatibili, le disposizioni relative al bilancio di esercizio della società per azioni, e la deposita presso l'ufficio del registro delle imprese del luogo ove ha sede; si applica, in quanto compatibile, l'articolo 2615-bis, terzo comma, del codice civile.

E’ previsto l’obbligo di presentazione del file XBRL con utilizzo della vigente tassonomia ed è possibile compilare le sole voci effettivamente presenti nel prospetto contabile.  Per il deposito si utilizza il codice atto 722 allegando il modello B.  L’invio potrà essere effettuato con gli usuali strumenti Fedra e Bilanci on line.

Contratto di rete nel settore agricolo

 

L’art. 36 comma 5, del D.L. 179/2012 ha introdotto la possibilità di usare il contratto di rete anche in agricoltura al fine di consentire alle imprese agricole di mettere in comune fattori produttivi (terreni, macchinari, strutture produttive) per accrescere e migliorare la produzione agricola e dunque favorire una maggiore competitività per le aziende, con riflessi positivi anche di natura fiscale.

Il contratto di rete nel settore agricolo può essere sottoscritto digitalmente dalle parti (senza intervento notarile) con l’assistenza di una o più organizzazioni professionali agricole maggiormente rappresentative a livello nazionale che hanno partecipato alla redazione finale dell’accordo. Il documento sottoscritto digitalmente dalle parti contraenti e dalle associazioni di categoria dovrà essere preventivamente registrato (nota del Ministero dello sviluppo economico del 16.07.2013 n. 0120618).

Inoltre la previsione generica (contenuta nell'articolo 36 comma 5 del DL 179/2012) al contratto di rete nel settore agricolo consente un'interpretazione estensiva della norma, nel senso di ritenere legittimo il contratto di rete stipulato tra imprese agricole senza verificare nel merito la prevalente attività dell'impresa. “Ne consegue che, purchè le imprese contraenti rientrino nel settore in parola, quale che sia l'attività fattualmente esercitata (coltivazione, trasformazione, attività complementari, strumentali ed accessorie), trova applicazione la speciale previsione normativa richiamata” (Nota Ministero dello Sviluppo Economico del 4 giugno 2014, Prot. 104434).

 

Consulta il Registro Imprese


 


 

RI Trend

Ravvedimento Operoso

« dicembre 2019 »
dicembre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Prossimi eventi
12/12/2019 La gestione strategica del portafoglio clienti e del patrimonio informativo aziendale il 12 dicembre Sala conferenze della Camera di commercio di Ferrara (Largo Castello 10, secondo piano)
17/12/2019 Creare contenuti in ottica SEO: appuntamento con Eccellenze in Digitale Martedì 17 Dicembre ore 9,30 Camera di commercio - Sala Conferenze - Largo Castello 6 - Ferrara
18/12/2019 Strumenti, Servizi e Finanziamenti per agevolare l’innovazione nelle PMI: 18 dicembre presso Unioncamere Emilia Romagna Unioncamere Emilia-Romagna - Viale Aldo Moro 62 – Bologna - 2° piano
Prossimi eventi…

Consultazione atti depositati dagli agenti di riscossione

Questionario

Segnalazione pubblicazioni non conformi

 
Accessibilità

Logo cnipa accessibilità Logo attestante il superamento ai sensi della Legge n.4/2004 della verifica tecnica di accessibilità

  

Privacy      Note Legali

Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara

C.F. e Partita Iva 00292740388
Codice IPA D0YUP8
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
protocollo@fe.legalmail.camcom.it