Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Urp Sala Stampa Comunicati Stampa 2012 Comunicati Stampa Comunicato Stampa n. 55 - 04 luglio 2012

bottone_imprese_senza_pec

bottone_cancellaz.png

Supporto-Specialistico

Infogrammi interattivi della Camera di Commercio di Ferrara

Linea Amica

 
Azioni sul documento

Comunicato Stampa n. 55 - 04 luglio 2012

ultima modifica 04/07/2012 10:11

I dati sull’andamento delle imprese industriali, commerciali e dei servizi nel I trimestre 2012 e le previsioni per il II trimestre dell’anno. Camera di commercio: spiragli all’estero per le medie imprese ma ancora segni negativi per tutti i settori - Sono le imprese di minore dimensione a pagare il prezzo più elevato alla crisi

 Più che sul fronte interno, è dalla ripartenza (o dalla tenuta) di quello estero che le imprese ferraresi si aspettano un podi respiro per il II trimestre 2012, dopo un inizio danno con tanti segni meno e un bilancio complessivo del settore che resta comunque negativo. Lestate dovrebbe portare invece risultati migliori, rispetto allinizio dellanno, alle imprese dei servizi avanzati e dellICT; mentre dal fronte del commercio le attese sono ancora pessimistiche o, tuttal più, di stabilità. Equesto il quadro che emerge dall'indagine congiunturale dell'Osservatorio dell'economia della Camera di Commercio di Ferrara, riguardante landamento delle imprese industriali, commerciali e dei servizi nel I trimestre 2012 e le previsioni per il II trimestre dellanno.

Le nostre imprese stanno combattendo una vera e propria battaglia, ha segnalato il presidente della Camera di Commercio, Carlo Alberto Roncarati.Ma lo fanno con spirito costruttivo, confrontandosi con una situazione interna ed internazionale di perdurante incertezza, aggravata dai tragici eventi sismici. Il loro ottimismo e la loro voglia difareperò non possono bastare: occorre uno sforzo per dar loro strumenti per riprendere la strada dello sviluppo.

Industria

Nell'industria, la produzione è diminuita del 5,2% rispetto al primo trimestre del 2011 e dopo il -0,9% dei primi tre mesi del 2012. Le maggiori difficoltà hanno interessato, in particolare, la chimica e la fabbricazione di prodotti in gomma (-16,4%), oltre che i settori del legno, della carta e della stampa (-9,0%). In netto peggioramento anche la produzione del sistema moda (-6,1%), che sconta la riduzione dei consumi. In linea con la contrazione media, i valori registrati dall’industria dei metalli e da quella delle macchine elettriche. Anche la produzione dell’industria alimentare (-2,0%) ha risentito della diminuzione dei consumi, nonostante il suo carattere aciclico. Anche il fatturato ha subito una marcata riduzione (-5%), ad eccezione della Metalmeccanica. Al calo di produzione e fatturato, non è rimasta estranea la domanda interna, che ha accusato una flessione dell’8,2%, consolidando il trend negativo degli ultimi tre mesi del 2011. Negative anche le prospettive per meccanica e mezzi di trasporto, che hanno visto scendere gli ordini del 5,4%. Solo l’industria alimentare ha evidenziato una variazione negativa inferiore al 4%. Le esportazioni hanno rappresentato l’unica nota positiva con un incremento del 2,5% rispetto al primo trimestre del 2011. Le industrie della meccanica e dei mezzi di trasporto hanno fatto segnare una crescita delle esportazioni del 7,4%, mentre sono apparsi più deboli i risultati conseguiti dagli altri settori. Come sempre, il contributo maggiore allevoluzione della domanda estera è venuto dalle imprese con più di 10 addetti. Gli ordini esteri crescono appena dello 0,3%, senza segnali di rilievo per alcun settore. Il periodo di produzione assicurato dal portafoglio ordine si è attestato su poco più di due mesi. Il livello è piuttosto contenuto, coerentemente con la riduzione degli ordini complessivi.

Commercio

Prosegue la crisi – avviatasi sin dal II semestre del 2008 – delle imprese commerciali, che riportano una perdita del 5,2%, comunque inferiore al dato nazionale (-6,3%). Il commercio al dettaglio di prodotti alimentari è quello che soffre di più: -10,4% (contro il -4,5% regionale) rispetto al primo trimestre dell'anno. Andamento negativo anche per il dettaglio non alimentare (-6,5%). Tra i settori, si ripropone la relativa capacità di tenuta della Gdo, che ha chiuso il trimestre con un segno positivo (+2,8%, incremento maggiore a quanto si registra nel complesso in Emilia-Romagna, +1,7%).

Le previsioni delle imprese per il II trimestre 2012

Industria e artigianato: aumentano i timori sul fronte interno; ancora buone le attese per lexport

Per agosto-settembre 2012, le aspettative delle imprese industriali rimangono improntate a un diffuso pessimismo rispetto al secondo trimestre dellanno. Loutlook è, tuttavia, decisamente migliore per le imprese (poche, per la verità) con oltre i 50 addetti. Alla debolezza del mercato interno, si contrappongono le attese legate agli ordinativi esteri, che evidenziano segnali di segno positivo per tutte le classi dimensionali (a eccezione dellartigianato). Le industrie alimentari (30,1), quelle della chimica-farmaceutica (22,4) e le Altre industrie (18,5) sono caratterizzate dalle aspettative più ottimistiche, mentre il sistema moda e la metallurgia sembrano meno confidenti nella capacità di sostegno della domanda estera, soprattutto nelle valutazioni che provengono dal segmento delle piccole imprese.

Commercio e turismo: pessimismo per linizio dellestate

Anche nelle attività commerciali, così come in quelle ricettive, non si intravede un miglioramento del clima di fiducia fra il II e il III trimestre del 2012: il sentiment rimane negativo e la maggioranza delle imprese punta almeno a mantenere stabili i propri ricavi. Relativamente al commercio, sono decisamente negative le performance di quanti operano, in particolare, nel settore non alimentare.

 

TABELLE

 

Produzione, fatturato, ordinativi ed export delle imprese dellindustria nel I trimestre 2012

Var. % rispetto al I trimestre 2011

 

Produzione

Fatturato

Ordinativi

Fatturato Estero

TOTALE

-5,2

-5,0

-8,2

+2,5

- di cui: Artigianato

-6,4

-6,9

-8,3

+1,2

CLASSI DIMENSIONALI

 

 

 

 

Imprese 1-9 addetti

-6,3

-6,2

-7,9

+1,9

Imprese 10 -500 addetti

-4,9

-4,7

-8,3

+2,6

SETTORI DI ATTIVITA'

 

 

 

 

Industrie alimentari e delle bevande

-2,0

-3,5

-3,7

n.d.

Industrie tessili, dell'abbigliamento e delle calzature

-6,1

-7,2

-9,2

n.d.

Industrie del legno-mobile e industrie carta-stampa

-9,0

-11,0

-10,5

+0,4

Industrie dei metalli

-5,7

-3,4

-7,5

n.d.

Industrie elettriche ed elettroniche

-5,0

-5,2

-6,4

+0,1

Industrie meccaniche e dei mezzi di trasporto

+2,5

+0,6

-5,4

+7,4

Altre industrie

-16,4

-13,4

-16,1

-1,3

Fonte: Osservatorio delleconomia della Camera di Commercio di Ferrara - Indagine congiunturale sull'industria manifatturiera

 

Andamento delle vendite delle imprese commerciali nel I trimestre 2012

Variazioni rispetto al I trimestre 2012

 

 

aumento

stabilità

diminuzione

Variazione %

TOTALE

20

36

44

-5,2

SETTORI DI ATTIVITA'

 

 

 

 

Commercio al dettaglio di prodotti alimentari

0

39

61

-10,4

Commercio al dettaglio di prodotti non alimentari

10

39

51

-6,5

Ipermercati, supermercati e grandi magazzini

66

25

8

2,8

 

Riferimento per i Media:
Camera di Commercio di Ferrara
Ufficio Stampa E-mail: stampa@fe.camcom.it Tel: 0532 783802 - 903

« giugno 2024 »
giugno
lumamegivesado
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Consultazione atti depositati dagli agenti di riscossione

Questionario

Segnalazione pubblicazioni non conformi

 
Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

I dati di fatturazione sono quelli della nuova Camera di commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara e Ravenna

C.F. e Partita Iva 02608840399
Codice IPA UFAV18
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
cciaa@pec.fera.camcom.it