Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Urp Sala Stampa Comunicati Stampa 2019 comunicati stampa Comunicato Stampa n. 20 - 6 maggio 2019

Infogrammi interattivi della Camera di Commercio di Ferrara

Linea Amica

 
Azioni sul documento

Comunicato Stampa n. 20 - 6 maggio 2019

— archiviato sotto:
ultima modifica 06/05/2019 11:22

A Ferrara la filiera della “bicicletta” conta 94 imprese, 30 ogni 10.000 imprese attive, a fronte di una media regionale di 28 e nazionale di 22 - ECONOMIA DEL CICLOTURISMO IN ITALIA - Presentati i risultati del rapporto Isnart-Unioncamere e Legambiente - Nel nostro Paese sempre più turisti si muovono in bici: nel 2018 oltre 77 milioni di presenze per un giro d’affari di 7,6 miliardi di euro all’anno. Cresce il PIB (Prodotto Interno Bici) e raggiunge i 12 miliardi di euro

Il cicloturismo unisce l’Italia e la bicicletta si conferma uno straordinario strumento per rivitalizzare i territori, il commercio e la cultura. C’è una crescita esponenziale di chi sceglie di trascorrere vacanze pedalando nel nostro paese: le presenze cicloturistiche rilevate nel 2018, nelle strutture ricettive e nelle abitazioni private, ammontano, infatti, a 77,6 milioni, pari cioè all’8,4% dell’intero movimento turistico in Italia. Si tratta cioè di oltre 6 milioni di persone che hanno trascorso una vacanza utilizzando più o meno intensamente la bicicletta. I cicloturisti sono aumentati del 41% in cinque anni, dal 2013 al 2018, e oggi generano un valore economico pari a 7,6 miliardi di euro all’anno. Una cifra enorme che porta a quasi 12 miliardi di euro il valore attuale del PIB (Prodotto Interno Bici), ovvero il giro d’affari generato dagli spostamenti a pedali in Italia, calcolando la produzione di bici e accessori, delle ciclo-vacanze e dell’insieme delle esternalità positive generate dai cittadini in bicicletta.

È quanto emerge dal primo rapporto Cicloturismo e cicloturisti in Italia realizzato da Isnart-Unioncamere e Legambiente, presentato a Roma nel corso del BikeSummit 2019. Un’occasione di confronto tra istituzioni, imprenditori e associazioni – realizzata in collaborazione con Alleanza Mobilità Dolce (Amodo) e VeloLove GRAB+ – per fare il punto sull’economia generata dal cicloturismo nel nostro Paese. Un valore straordinario se si pensa che è conseguenza di un uso ancora assai limitato della bici come veicolo per la mobilità e che il settore ciclo-viaggi - che potrebbe dare un contributo straordinario al turismo considerando il contesto paesaggistico e territoriale del Paese - è ancora troppo poco sviluppato.

Tanti imprenditori ferraresiha sottolineato Paolo Govoni, presidente della Camera di commercio - si sono già attrezzati per rispondere alle esigenze di questo sempre più ampio target di vacanzieri ed appassionati. La provincia di Ferrara, con il suo patrimonio culturale, artigianale e industriale – ha concluso il presidente della Camera di commercio - ha tutte le carte in regola per valorizzare a pieno titolo l’economia prodotta dal cicloturismo e le imprese che ad esso fanno riferimento”.

A Ferrara, del resto, la filiera della “bicicletta” conta 94 imprese, 30 ogni 10.000 imprese attive a fronte di una media regionale di 28 e nazionale di 22. 7 di queste imprese operano nel settore “Fabbricazione e montaggio”, 30 si occupano di riparazione e 57 svolgono commercio al dettaglio. Sempre più spesso, da semplici officine meccaniche, queste attività si sono trasformate in laboratori specializzati nel rimessaggio di pezzi che tanti cittadini trovano nelle proprie cantine, e che, una volta riportati a nuovo, acquistano un valore non trascurabile. Parlando di cultura e tradizioni, d’altronde, non si può certo negare, che la bicicletta sia uno di quegli elementi che connota la tradizione locale ferrarese, nell’immaginario collettivo e nel ricordo di chi visita la provincia.

Tornando al rapporto, i turisti che ogni anno in Italia percorrono in bicicletta tutto il loro itinerario sono circa 1,85 milioni, mentre chi usa la bicicletta a destinazione – avendola al seguito, o noleggiandola sul posto – sono circa 4,18 milioni di persone. A questi si aggiungono gli oltre 700.000 ciclisti urbani, che usano ogni giorno la bicicletta sui percorsi casa-lavoro o altro, che portano il totale a circa 6,73 milioni di persone.

Tra le principali regioni di partenza dei cicloturisti figurano diverse aree del Centro Sud (quasi un quinto dei cicloturisti dichiara di provenire dalla Campania, seguita da Lombardia e Lazio), mentre le principali destinazioni di soggiorno sono tutte collocate nell’area settentrionale del paese (Trentino, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana). La Germania è, invece, il principale mercato estero di origine dei flussi interessati alla vacanza attiva, seguita da Francia, Stati Uniti e Regno Unito.

Entrando nel dettaglio delle tipologie dei turisti attivi, il rapporto ha stimato in 21,9 milioni le presenze che rientrano nel raggruppamento del cicloturista in senso stretto (chi considera la bici un vero e proprio mezzo di locomozione per vivere la vacanza in una determinata località), pari al 13% delle presenze generate dal turismo attivo ed al 2,4% del totale nazionale. Sono tuttavia i turisti ciclisti (chi durante la vacanza fa escursioni in bici o si dedica al ciclismo, per il quale la bicicletta è intesa soprattutto come mezzo episodico per svolgere un’attività fisica e sportiva) a rivestire un ruolo ancor più rilevante nel macrocosmo della vacanza attiva: 55,7 milioni sono le presenze stimate nel 2018.

 

 

Riferimento per i Media:
Camera di Commercio di Ferrara
Ufficio Stampa E-mail: stampa@fe.camcom.it Tel: 0532 783802 - 903

Accessibilità

Logo cnipa accessibilità Logo attestante il superamento ai sensi della Legge n.4/2004 della verifica tecnica di accessibilità

  

Privacy      Note Legali

Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara

C.F. e Partita Iva 00292740388
Codice IPA D0YUP8
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
protocollo@fe.legalmail.camcom.it