Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Urp Sala Stampa Comunicati Stampa 2018 comunicati stampa Comunicato Stampa n. 33 - 9 luglio 2018

Supporto-Specialistico

Infogrammi interattivi della Camera di Commercio di Ferrara

Linea Amica

 
Azioni sul documento

Comunicato Stampa n. 33 - 9 luglio 2018

— archiviato sotto:
ultima modifica 09/07/2018 09:54

PER CHI ESPORTA E INNOVA LA RIPRESA C’È - Rallenta la congiuntura nei primi mesi del 2018, ma resta positivo il confronto con l’anno precedente - Bene ordinativi ed export. Nuova battuta d’arresto per micro imprese, artigianato e commercio

Prosegue anche nel 2018 la crescita degli indicatori congiunturali riferiti alla Manifattura, positivi però solo per il trend delle imprese di maggiori dimensioni, che confermano l’intensità rilevata alla fine dello scorso anno. Da due anni ormai, l’andamento della produzione è in aumento e, per le imprese che vendono anche all’estero, i risultati sono migliori. Ferrara, con le sue 1000 imprese esportatrici, registra così l’incremento delle esportazioni tra i più accentuati della Regione. Il PIL stimato da Prometeia, in crescita dell’1,5% per l’anno in corso, dovrebbe accelerare nel 2019, superando l’indice nazionale. In territorio negativo il Commercio, che nel primo trimestre registra una nuova ampia flessione delle vendite. Questi i principali dati diffusi ieri mattina dall’Osservatorio dell’economia della Camera di commercio di Ferrara. Gli indicatori sul Commercio internazionale, elaborati sulla base delle informazioni diffuse da Istat e riferiti al primo trimestre del 2018, hanno certificato un’accelerazione della crescita. Nei primi tre mesi dell’anno sono state esportate merci ferraresi per quasi 700 milioni di euro (oltre 75 milioni in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno), valore che corrisponde ad una variazione tendenziale positiva del 12,2%, ma soprattutto picco record del periodo riferito ai primi tre mesi dell’anno. In particolare, il dato delle esportazioni provinciali è stato migliore sia al dato regionale (+4,6%), sia al trend nazionale (+3,3%), con una variazione inferiore in Emilia-Romagna solo al dato di Piacenza, dove è localizzato un importante polo della logistica. Le prime tre voci per incidenza sono macchinari, prodotti chimici e, dopo alcuni trimestri negativi, torna ad essere rilevante anche la quota dell’automotive, grazie ad un incremento a tre cifre. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, aumenta l’export anche per i prodotti agroalimentari, il sistema moda, gli articoli in gomma, i prodotti di minerali non metalliferi e gli apparecchi elettrici-elettronici. I trend positivi compensano ampiamente le contrazioni di pesca, prodotti in metallo, prodotti del trattamento dei rifiuti e soprattutto del settore dei macchinari. Il comparto degli apparecchi meccanici, pur se diminuito di circa 4 milioni euro, resta la voce più importante dell’export ferrarese. Tra le destinazioni preferite l’Europa (+17,0% sul solo mercato tedesco), che rappresenta ancora più del 60% del totale, e gli Stati Uniti, che crescono a due cifre (+48,3%). Prosegue, intanto, per il comparto Manifatturiero la tendenza positiva di produzione, fatturato ed export, con un’intensità di crescita decelerata però rispetto ai tre mesi precedenti. La ripresa non ha ancora coinvolto le imprese più piccole, i cui ordinativi faticano a ripartire, per lo meno per chi non riesce ancora a raggiungere i mercati internazionali. I trend congiunturali della provincia si allontano così dai valori regionali che sembrano avviati verso una ripresa più solida. Nel primo trimestre dell’anno, l’andamento negativo è confermato, oltre che per le imprese di più piccole dimensioni, anche per i comparti della meccanica e dei mezzi di trasporto. Il Sistema moda e le Industrie dei Metalli segnano le variazioni positive più rilevanti. Cresce la produzione anche per l’Alimentare, il gruppo Legno-mobili, Carta, Stampa e l’Industria dei metalli. Torna in contrazione l’aggregato delle altre industrie che comprende la Chimica e la Lavorazione dei minerali non metalliferi. Per i prossimi mesi, nonostante i giudizi delle imprese ferraresi siano sempre più orientati alla prudenza, i saldi tra chi prevede la variabile in aumento e chi in calo sono positivi e in crescita, con aspettative in miglioramento anche per il fatturato.

L’Artigianato manifatturiero torna a registrare indicatori negativi con un andamento meno pesante per le imprese che esportano, che fanno segnare un +2,0%. Le difficoltà maggiori sembrano riscontrarsi anche dal minor numero di settimane in cui la produzione è assicurata (6,3 per l’artigianato e 8,7 per l’intera manifattura), nonché dal più basso grado di utilizzo degli impianti (72,4% rispetto al 76,2%). In particolare difficoltà ancora il settore delle Costruzioni (-53%) sebbene sia il settore della Logistica a rilevare la variazione percentuale più pesante. In territorio negativo il Commercio a causa, in particolare, dal comparto dei prodotti non alimentari. Le vendite a prezzi correnti hanno subito una flessione del -2,3% nel primo trimestre del 2018 rispetto allo stesso periodo del 2017 per gli esercizi al dettaglio in sede fissa, segnando così un leggero rallentamento alla caduta iniziata dieci anni fa ed interrotta solo nel primo trimestre del 2015. Meno consistente la riduzione delle vendite per il comparto dei prodotti alimentari (-1,9%). Per quanto riguarda la Demografia delle imprese, nel primo trimestre del 2018 rallentano le cessazioni ma, allo stesso tempo, le iscrizioni registrano un nuovo minimo storico. Il saldo della movimentazione per i primi tre mesi dell’anno risulta così pari a -319 unità. Tra i settori in maggiore sofferenza per numero di imprese, l’agricoltura, il commercio e le costruzioni, ma anche, pur se in misura inferiore, la logistica, le attività finanziarie e assicurative, la manifattura e alcune tipologie di servizi alla persona. Segnali positivi giungono, invece, da tutti quei settori legati ai servizi alle imprese quali il noleggio, le agenzie di viaggio, i call center, le agenzie di recupero crediti e le società di servizi di informazione e comunicazione. Crescono le società di capitale, in virtù degli aumenti delle nuove forme di società a responsabilità limitata (semplificata e a capitale ridotto), mentre perdono terreno le forme giuridiche “personali”, ovvero società di persone e imprese individuali. L’analisi per tipologia di impresa evidenzia una contrazione anche delle imprese femminili, che non ha impedito al tasso di imprenditorialità femminile di confermarsi sempre il più alto della Regione e superiore anche al dato medio italiano (22,8% sulle registrate). Il calo delle imprese giovanili non dipende dal saldo - sempre positivo - tra nuove iscrizioni e cancellazioni, ma piuttosto dalla perdita dello stato di “giovanili” delle imprese iscritte in precedenza, dal momento che il saldo tra iscrizioni e cessazioni è sempre positivo. Saldo ancora positivo, infine, per le imprese straniere è diminuito, così come è calato il numero di cessazioni. Grazie ancora ad un saldo positivo, lo stock totale è cresciuto, registrando aumenti praticamente in tutti i settori. Per quanto riguarda il Credito alle imprese, a marzo 2018 rimangono pressoché costanti i prestiti alle famiglie consumatrici e alle imprese di piccole dimensioni, lievemente meglio per le imprese medio-grandi. Si riduce, inoltre, il tasso di deterioramento per le imprese manifatturiere, mentre riprende a crescere quello relativo alle costruzioni. Nel primo trimestre 2018, ha ripreso tono la crescita dei depositi, grazie ai trend sia del settore delle famiglie sia del comparto, più limitato, delle imprese, la cui incidenza sale, ma rimane inferiore al 18% del totale e alla quota della Regione (29%). L’andamento, pur in linea con quanto rilevato in Emilia-Romagna, evidenzia variazioni positive più contenute. Calano ancora i depositi con durata prestabilita o rimborsabili con preavviso (2.853 milioni di €), che rappresentano in questo caso una quota superiore rispetto alla Regione (38% contro il 24%), pur se in una fase di ridimensionamento. In contrazione risultano anche i titoli a custodia, con diminuzioni più consistenti per le obbligazioni di banche italiane e titoli di stato nazionali.

Diminuiscono i protesti, ma soprattutto cala l’importo di tutte le principali tipologie (di quasi la metà per i vaglia cambiari). In lieve ripresa, risultano le sentenze di fallimento, in particolare per quanto riguarda i settori delle costruzioni e del commercio. Allo stesso tempo, tra gennaio e aprile 2018, si registrano 118 scioglimenti e liquidazioni volontarie, 27 in meno rispetto allo scorso anno. Il trend risulta in controtendenza rispetto all’andamento regionale e a quello nazionale, entrambi in crescita. Per quanto riguarda il mercato del lavoro, l’analisi svolta dal focus regionale relativamente ai flussi delle attivazioni, delle trasformazioni e delle cessazioni dei rapporti di lavoro dei Centri per l’impiego, evidenzia un notevole volume di movimentazione, dove è però predominante il lavoro dipendente a termine. Dopo il breve periodo caratterizzato dalla straordinaria crescita dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato, l’aumento dei rapporti di lavoro dipendente nel 2017, pari a 1.032 unità, ha fatto infatti leva, principalmente, sui contratti a tempo determinato (per 2.184 unità), mentre le posizioni lavorative a tempo indeterminato hanno conosciuto una significativa variazione negativa (-1.615 unità), marginalmente controbilanciata da una variazione positiva delle posizioni in apprendistato (302 unità) e di lavoro somministrato (161 unità). Minore è il ricorso agli ammortizzatori sociali. Nei primi 4 mesi del 2018, cala ulteriormente il monte delle ore autorizzate per le aziende ferraresi. Se per la deroga non sono state raggiunte le 10.000, che rappresentano poco più di un quarto di quanto rilevato nello stesso periodo dello scorso anno, anche le ore di ordinaria e straordinaria registrano variazioni negative a due cifre. L’ordinaria è calata più velocemente di quanto non sia avvenuto in Regione e in Italia. Per la straordinaria invece, nonostante la forte riduzione, il trend è stato più contenuto rispetto agli altri ambiti di riferimento. Complessivamente sono state richieste dalle imprese ferraresi circa 600mila ore, prevalentemente di CIG ordinaria. Prosegue, infine, la diminuzione della popolazione residente. Il saldo complessivo negativo di 1.387 unità si è però ridimensionato rispetto allo scorso anno, quando aveva superato le 3mila unità. La flessione è stata determinata dal trend negativo della popolazione di cittadinanza italiana, mentre la straniera residente risulta in crescita per 1.400 unità, corrispondenti al saldo naturale dei cittadini stranieri (poco meno di 400 unità) e al saldo migratorio positivo per oltre mille unità. Con 2.034 nati, il tasso di natalità risulta tra i più bassi in Italia, inferiore al 6 per mille, quando a livello nazionale è pari al 7,6 per mille. Allo stesso tempo il tasso di mortalità è invece tra i più alti (14,4 per mille contro il 10,7 italiano), data la struttura per età della popolazione con un’età media (48,8) tra le più elevate d’Italia (44,9); in base a questo indicatore, Ferrara è preceduta solo da Savona (49,0) e Genova (48,8). A causa della giovane struttura per età, la mortalità dei cittadini stranieri residenti a Ferrara è decisamente più bassa rispetto al dato riferito a tutta la popolazione (1,6 per mille contro il 14,4), così come è più elevato il tasso di natalità (14,8 per mille contro il 5,9).

 

ALLEGATO STATISTICO - Grafici e dati

Scenari e previsioni per Ferrara - Prometeia, Unioncamere Emilia-Romagna, ed. APRILE 2018

Valore aggiunto- Tasso di variazione (stima 2017 e previsione 2018-2019)

1.png

 

IL VALORE AGGIUNTO PER SETTORE

 

Industria

Costruzioni

Servizi

Totale

2018 2019 2018 2019 2018 2019 2018 2019
Ferrara 3,2 2,2 0,5 1,2 1,1 1,5 1,5 1,6

Emilia-Romagna

3,2

2,2

1,6

1,6

1,3

1,6

1,8

1,7

Italia

3,1

2,1

1,4

1,5

1,0

1,2

1,5

1,4

Fonte: elaborazioni Sistema camerale Emilia-Romagna su dati Prometeia, Scenari per le economie locali


ESPORTAZIONI – Contributo dei settori 1° trimestre 2018

 

2.png

 

Import Export per aree geografiche e principali partner commerciali

1° trimestre 2018, valori in milioni di euro

TERRITORIO

2018 provvisorio

Va. % anno 2018/2017

% sul totale 2018

% sul totale 2017

import

export

import

export

import

export

import

export

MONDO

269,1

694,8

6,9%

12,2%

100,0%

100,0%

100,0%

100,0%

EUROPA

235,3

427,1

8,0%

6,9%

87,4%

61,5%

86,5%

64,5%

Unione europea 28

231,7

389,1

7,8%

10,2%

86,1%

56,0%

85,3%

57,0%

Area euro19

186,2

314,8

5,7%

11,8%

69,2%

45,3%

69,9%

45,5%

Extra Ue 28

37,5

305,7

1,2%

14,8%

13,9%

44,0%

14,7%

43,0%

Germania

57,9

110,3

7,7%

17,0%

21,5%

15,9%

21,4%

15,2%

Stati Uniti

3,3

151,8

-29,4%

48,3%

1,2%

21,9%

1,8%

16,5%

Cina

14,8

17,3

0,1%

-38,8%

5,5%

2,5%

5,9%

4,6%

 

CONGIUNTURA Settore manifatturiero (Variazioni rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente)

 

1° trimestre 2018

Media anno 2017

 

Totale

1-9 addetti

>10 addetti

Artigianto

Totale

1-9 addetti

>10 addetti

Artigianato

Produzione

1,0%

-4,4%

2,3%

-1,4%

1,8%

-0,7%

2,5%

0,8%

Fatturato

1,6%

-3,8%

3,0%

-1,3%

0,8%

-0,7%

2,9%

0,8%

Ordinativi

0,2%

-2,2%

0,8%

-0,8%

0,8%

-0,3%

2,7%

0,8%

Fatt. Estero

1,9%

3,6%

1,9%

2,0%

4,4%

3,8%

4,2%

4,4%

 

Andamento congiunturale del 1° trimestre 2018 rispetto al trimestre precedente e previsioni per il trimestre successivo

3.png

 

COMMERCIO Vendite Variazione tendenziale 2003-2018

4.png

 

Arrivi e presenze, periodo gennaio-aprile 2018

7.png

 

IMPRESE

Movimentazione Serie storica, 1° trimestre

UNITÀ LOCALIATTIVE, per tipo di localizzazione

 

Iscrizioni

Cessazioni (*)

Saldo

2005

834

895

-61

2006

905

1.098

-193

2007

906

1.320

-414

2008

835

1.254

-419

2009

736

1.121

-385

2010

814

1099

-285

2011

750

1.084

-334

2012

798

1.013

-215

2013

714

1.052

-341

2014

717

894

-177

2015

684

878

-194

2016

667

942

-275

2017

600

938

-339

2018

589

908

-319

 

 

Marzo 2018

Var. % tendenziale

Var. % congiunturale

Sede

31.751

-1,0%

-0,9%

U.L. con sede in prov.

3.988

1,0%

-0,9%

1.a U.L. con sede f.p.

2.367

3,0%

0,6%

Altre U.L. con sede f.p.

798

-1,7%

6,1%

TOTALE

38.904

-0,6%

-0,7%

 

Imprese attive per tipologia

 

Marzo 2018

Var. % tendenziale

Var. % congiunturale

FEMMINILI

7.240

-1,0%

-1,0%

GIOVANILI

2.242

-3,0%

-10,6%

ESTERE

2.776

+2,9%

0,7%

 

 

Tessuto imprenditoriale IMPRESE REGISTRATE

Var. assolute 30 maggio 2018 - 31 dicembre 2017, al netto delle cancellazioni d’ufficio

8.png

 

Per informazioni: Affari Generali segreteria@fe.camcom.it tel. 0532 783900-906-907

Riferimento per i Media:
Camera di Commercio di Ferrara
Ufficio Stampa E-mail: stampa@fe.camcom.it Tel: 0532 783802 - 903

Accessibilità

Logo cnipa accessibilità Logo attestante il superamento ai sensi della Legge n.4/2004 della verifica tecnica di accessibilità

  

Privacy      Note Legali

Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara

C.F. e Partita Iva 00292740388
Codice IPA D0YUP8
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
protocollo@fe.legalmail.camcom.it