Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Urp Sala Stampa Comunicati Stampa 2016 comunicati stampa Comunicato Stampa n. 35 - 27 maggio 2016

Infogrammi interattivi della Camera di Commercio di Ferrara

Linea Amica

 
Azioni sul documento

Comunicato Stampa n. 35 - 27 maggio 2016

— archiviato sotto:
ultima modifica 27/05/2016 09:33

Piace il Piano varato dalla Giunta camerale, che prevede la costituzione di un elenco qualificato di soggetti fornitori di servizi di coworking e l’erogazione di incentivi a favore di coworkers - CAMERA DI COMMERCIO: CONTRO LA CRISI ARRIVA IL COWORKING E SI CONDIVIDE L’AMBIENTE DI LAVORO - Due i fornitori già accreditati dall’Ente di Largo Castello, entrambi a Ferrara: Beta Coworching in via Grillenzoni 11/11A e APS il Turco in via del Turco 39

Un bonus per ogni giovane startupper che sceglierà la formula del coworking per avviare la propria attività. In tempo di crisi anche la condivisione di spazi e idee può essere la formula giusta per dismettere l'abito del disoccupato e vestire quello dell'imprenditore, con poche spese e qualche occasione in più di brainstorming. Ne è convinta la Camera di commercio di Ferrara, che finanzia a fondo perduto la condivisione di spazi per avviare un'attività aziendale. Dividono i metri di un ufficio con le scrivanie fianco a fianco, spesso si confrontano, qualche volta condividono una o più idee, di certo l'entusiasmo e la voglia di "costruirsi" un lavoro. In Italia sono ormai diverse centinaia i giovani che hanno individuato nel coworking lo strumento per uscire dalla disoccupazione. Non sono dipendenti di un'azienda, la stessa, ma uomini e donne che hanno trovato nella condivisione la strada per ridimensionare i costi di un'attività professionale. E non solo, ognuno cioè insegue un sogno per proprio conto ma nello scambio indotto dalla vicinanza trovano la perseveranza e la forza per andare avanti.

 Nato come un fenomeno marginale, oggi il coworking è sempre di più una solida realtà. E il piano varato dalla Giunta della Camera di commercio va proprio in tale direzione: supportare aspiranti imprenditori ferraresi interessati a sperimentare questa modalità nuova di condivisione di spazi e relazioni di lavoro (sul modello di quanto già avviene con successo in altre città europee) all’interno di spazi fisici comuni. Il Piano contiene due misure di intervento, l’una finalizzata alla costituzione di un elenco qualificato di soggetti fornitori di servizi di coworking nella provincia di Ferrara, la seconda (in via di definizione) all’erogazione di incentivi economici, a parziale copertura delle spese sostenute, a favore di giovani che intendano avviare attività di lavoro presso spazi di coworking facenti parte dell’elenco accreditato dall’Ente di Largo Castello.

 Possono presentare richiesta di inserimento nell’elenco (due i fornitori già inseriti, entrambi accreditati dall’Ente di Largo Castello, entrambi a Ferrara: Beta Coworching in via Grillenzoni 11/11A e APS il Turco in via del Turco 39) i soggetti in possesso di particolari requisiti: dal  possesso di un numero di postazioni lavorative destinate al coworking non inferiore a 5 all’avere un sistema informativo comune con connettività a banda larga e/o wi-fi; dall’offrire spazi e attrezzature comuni quali sale meeting/formazione, centralino, vigilanza, reception all’erogare servizi di supporto quali stampanti condivise, cucina, spazio ristoro. E se il futuro è il coworking, anche le grandi aziende ne vogliono far parte. Gli impiegati delle multinazionali non indossano più giacca e cravatta, ma passano ai jeans e sempre più occupano scrivanie negli spazi di coworking, per tradizione rifugio di freelancer, startup e creativi di vari settori, desiderosi di compagnia e di usare in comune una stessa fotocopiatrice.

 “Dal crowdfunding al coworking, l'economia collaborativa in Italia cresce e prende forme coerenti alla nostra realtà socio-economica. In questo fermento, le città si possono rivelare “grandi asset di convergenza per attirare attenzione, talenti, investimenti internazionali”. Così Paolo Govoni, presidente della Camera di commercio di Ferrara, che ha aggiunto: “Una sfida che si può vincere solo attraverso il contributo di tutti gli interlocutori e la sperimentazione di soluzioni inedite”.

 

Riferimento per i Media:
Camera di Commercio di Ferrara
Ufficio Stampa E-mail: stampa@fe.camcom.it Tel: 0532 783802 - 903

Accessibilità

Logo cnipa accessibilità Logo attestante il superamento ai sensi della Legge n.4/2004 della verifica tecnica di accessibilità

  

Privacy      Note Legali

Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara

C.F. e Partita Iva 00292740388
Codice IPA D0YUP8
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
protocollo@fe.legalmail.camcom.it