Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Urp Sala Stampa Comunicati Stampa 2016 comunicati stampa Comunicato Stampa n. 23 - 4 aprile 2016

Supporto-Specialistico

Infogrammi interattivi della Camera di Commercio di Ferrara

Linea Amica

 
Azioni sul documento

Comunicato Stampa n. 23 - 4 aprile 2016

— archiviato sotto:
ultima modifica 04/04/2016 09:35

Calano i fallimenti (-19%), gli scioglimenti e le liquidazioni volontarie, e i protesti, sia per quantità che importo - 2015, CAMERA DI COMMERCIO: RIPRESA INCERTA CON INDICI IN EQUILIBRIO - Mercato del lavoro in lento recupero. Stabili commercio e manifatturiero In lieve risalita il settore delle costruzioni

 

Mercato del lavoro in lento recupero, stabili commercio e manifatturiero, in risalita – seppur lieve - il settore delle costruzioni. Un 2015 sostanzialmente in equilibrio (+0,1% la crescita del PIL provinciale), dunque, con un 2016 che dovrebbe segnare – il condizionale è d’obbligo - variazioni più consistenti (+1%) e in linea con quanto si presume avvenga in regione (+1,4%) e a livello nazionale (+1,2%). Questi i principali dati diffusi dall’Osservatorio dell’economia della Camera di commercio di Ferrara.

 Gli indicatori sul commercio internazionale in particolare, elaborati sulla base delle informazioni diffuse da Istat e riferiti a tutto il 2015, registrano una variazione positiva del 3,2%, che rappresenta certamente un risultato confortante per le vendite all’estero da parte delle imprese ferraresi. Le esportazioni crescono nella maggior parte delle province della regione, fanno eccezione Ravenna e Rimini. Ferrara, dove il valore supera i 2,5 miliardi di euro, registra una variazione leggermente inferiore alla performance regionale (+4,4%). La quota dell’export ferrarese sul totale regionale rimane così ferma al 4,6%, mentre sono in aumento anche le importazioni. La crescita è stata trainata in particolare dal buon andamento sul mercato statunitense (+9,7%) verso cui è diretto il 26,9% dell’export ferrarese. La tendenza positiva ha prevalso in tutti comparti, con le uniche eccezioni di sistema moda e metallurgia, per quest’ultimo comparto si tratta di un andamento in analogia con quanto riscontrato a livello nazionale.

 Per il mercato del lavoro, i dati ISTAT sulle forze di lavoro per il 2015 registrano un tasso di occupazione in crescita, soprattutto nella sua componente maschile, mentre il tasso di disoccupazione, pur ancora a due cifre, è in fase di ridimensionamento.

 Stabili, nel 2015, i principali indicatori congiunturali del settore manifatturiero (fatturato ed export). La produzione, in particolare, segna un +0,7%, dopo tre anni consecutivi di valori negativi e un 2009 che rilevava addirittura una variazione del -16,1%. Nel commercio rimane ancora consistente la riduzione delle vendite al dettaglio nel comparto dell’alimentare (-1,9%), mentre la variazione positiva per la grande distribuzione non riesce a compensare le contrazioni degli altri settori. La variazione media delle vendite per l’intero anno, pur rimanendo ancora negativa (-1,0%), rappresenta il miglior risultato dal 2009.

 Già dal secondo trimestre del 2015 il mercato immobiliare e le costruzioni hanno rilevato i primi segnali di recupero, confermati anche dal trend positivo del volume d’affari delle costruzioni nel 4° trimestre 2015, nonostante la variazione risulti ulteriormente rallentata rispetto a quanto rilevato nei trimestri precedenti. Il 2015 si è chiuso con un aumento del volume d' affari del +3,4%. La produzione del periodo rimane stabile per oltre l’80% del campione, così come il volume d’affari (quota in aumento rispetto al trimestre precedente), mentre è previsto in crescita per il 5%, registrando previsioni in ulteriore miglioramento rispetto alla scorsa rilevazione.

 Buoni i risultati per il turismo. Nel complesso della provincia gli arrivi e le presenze sono cresciuti, con un aumento sia del turismo nazionale sia di quello straniero (in particolare per quanto riguarda le presenze). Sulla costa, al lordo degli alloggi ad uso turistico, i dati confermano questo andamento, con variazioni positive di maggior valore, grazie anche ad un’ottima estate. Tra gli stranieri emergono tedeschi, olandesi, svizzeri e cinesi, soprattutto nel comune capoluogo. In città, dopo le consistenti variazioni positive dello scorso anno, si continuano a registrare aumenti, in particolare per quanto riguarda il turismo straniero. Arrivi e presenze crescono anche negli esercizi alberghieri.

 L’immagine che si ricava dalla lettura della dinamica dei dati di demografia delle imprese è quella di un sistema imprenditoriale che, in termini di vitalità anagrafica, fatica a rientrare verso i numeri degli anni ante-crisi, ma cerca almeno di stabilizzare lo stock di imprese. Se le cessazioni fanno segnare il migliore risultato, con il valore più basso dal 2004, le iscrizioni a stento riprendono quota e segnano un valore appena superiore a quello dello scorso anno quando si registrò il dato meno brillante della serie. Il saldo della movimentazione per il 2015 risulta così pari a -133 unità, per un totale di imprese registrate pari a 36.394, poco inferiore a quanto rilevato all’inizio dell’anno, e contrazioni soprattutto nei settori delle costruzioni, della manifattura e della logistica.

A fronte di una diminuzione del numero di imprese condotte da under 35, la cui movimentazione è però sempre largamente positiva, prosegue l’aumento delle imprese estere e di quelle femminili.

 Per quanto riguarda il credito, il deterioramento dei prestiti continua a ridursi in tutte le branche di attività. Il trend rimane più pesante per le imprese, in particolare nell’ultimo trimestre del 2015 per quelle di piccole dimensione che detengono poco meno di un terzo dei prestiti del mondo imprenditoriale. Andamento migliore in regione, dove le contrazioni sono più ridotte rispetto a quanto si rileva in provincia e l’aggregato delle famiglie registra addirittura una lieve ripresa. Prosegue anche il trend positivo dei depositi, condizionato dal sempre significativo apporto del risparmio delle famiglie, comunque in rallentamento. Quasi la metà della consistenza provinciale è rappresentata da depositi con durata prestabilita o rimborsabili con preavviso. Per quanto riguarda la componente del risparmio finanziario dei titoli a custodia, è confermato un trend decrescente, più accelerato per la componente delle obbligazioni di banche italiane rispetto ai titoli di stato nazionali.

 Nel 2015 il numero dei fallimenti registra un calo del 19% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, infatti dalle 78 aperture avvenute nel 2014 si passa ad un più contenuto numero di 63. Così come sono in calo il numero degli scioglimenti e liquidazioni volontarie, a cui si aggiunge la contrazione dei protesti, sia per quantità che importo.

 Nel complesso, dalla lettura dei dati disponibili si colgono alcuni dati positivi, come ad esempio l’aumento della quota di imprese che sia nell’industria che nel commercio hanno investito nel corso del 2015, ma il passo con il quale si procede appare ancora incerto. Pesano anche sulle imprese ferraresi gli scenari globali soggetti a tensioni geopolitiche e il rallentamento dei paesi emergenti che condizioneranno le vendite all’estero, componente determinante della domanda, e sulla quale anche la dinamica del cambio giocherà un importante ruolo, soprattutto per l’export provinciale particolarmente concentrato sul mercato statunitense. Altro elemento di inquietudine è determinato dai livelli attuali dell’inflazione mensile, con tutti i rischi che una dinamica dei prezzi molto bassa per molto tempo potrà comportare.

 

ALLEGATO STATISTICO - Grafici e dati

 

Valore aggiunto- Indice (2000=100) e tasso di variazione (stima 2015 e previsione2016)

 

 

 

Scenari e previsioni per Ferrara Prometeia, Unioncamere Emilia-Romagna ed. febbraio 2016

IL VALORE AGGIUNTO PER SETTORE

 

Industria

Costruzioni

Servizi

Totale

2015

2016

2015

2016

2015

2016

2015

2016

Ferrara

1,6

2,6

1,1

2,8

0,9

1,3

1,0

1,6

Emilia-Romagna

2,2

2,9

1,7

3,0

1,0

1,4

1,4

1,8

Italia

1,9

2,6

1,5

2,3

1,0

1,3

1,2

1,5

Fonte: elaborazioni Sistema camerale Emilia-Romagna su dati Prometeia, Scenari per le economie locali

 

Import Export per aree geografiche e principali partner commerciali anno 2015

Valori in migliaia di euro

Territorio

2015 provvisorio (migliaia di €)

Var. %

% sul totale 2015

% sul totale 2014

import

export

import

export

import

export

export

MONDO

919.050

2.547.046

4,6%

3,2%

100,0%

100,0%

100,0%

EUROPA

762.644

1.351.057

3,2%

-0,5%

83,0%

53,0%

55,0%

Unione europea 28

734.676

1.220.586

2,7%

1,4%

79,9%

47,9%

48,8%

Uem19

605.772

964.790

3,9%

2,1%

65,9%

37,9%

38,3%

Extra Ue28

184.374

1.326.460

13,0%

4,9%

20,1%

52,1%

51,2%

Germania

203.139

340.330

2,9%

-8,3%

22,1%

13,4%

15,0%

Stati Uniti

23.015

684.834

15,9%

9,7%

2,5%

26,9%

25,3%

Brasile

23.817

29.024

71,9%

-21,0%

2,6%

1,1%

1,5%

Russia

410

51.693

-78,6%

-23,0%

0,0%

2,0%

2,7%

India

8.002

53.334

111,9%

85,3%

0,9%

2,1%

1,2%

Cina

54.391

89.378

-9,9%

32,0%

5,9%

3,5%

2,7%

Sud Africa

1.290

11.459

124,6%

12,3%

0,1%

0,4%

0,4%

Paesi BRICS

87.911

234.888

9,2%

11,6%

9,6%

9,2%

8,5%

Turchia

3.072

24.196

-29,8%

7,5%

0,3%

0,9%

0,9%

Paesi BRICST

90.983

259.084

7,2%

11,2%

9,9%

10,2%

9,4%

CONGIUNTURA Settore manifatturiero

Variazioni tendenziali (rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente)

 

Manifatturiero

Artigianato

1-9 addetti

>10 addetti

4° tr 2015

Media 2015

4° tr 2015

Media 2015

4° tr 2015

Media 2015

4° tr 2015

Media 2015

Produzione

-0,9%

+0,7%

-0,1%

-0,2%

+0,4%

-0,2%

-1,2%

+0,9%

Fatturato

-0,9%

+0,5%

+0,3%

-0,5%

+0,5%

-0,6%

-1,2%

+0,8%

Ordinativi

-1,2%

+0,1%

-0,2%

+0,2%

-0,5%

+0,1%

-1,4%

+0,1%

Fatturato Estero

-1,6%

+1,3%

+4,1%

+1,0%

+1,5%

+1,0%

-1,7%

+1,3%

 

COMMERCIO Vendite Variazione tendenziale 4° trimestre 2015 medie annuali

 

 

COSTRUZIONI Volume d’affari Variazione tendenziale 4° trimestre 2015 e medie annuali

 

DEMOGRAFIA IMPRESE - Movimentazione e saldi per settori

Imprese REGISTRATE al 31/12/2014

36.527

Iscritte nel 2015

2.013

Cessate nel 2015

(di cui 85 cancellate d’ufficio)

2.156

Saldo variazioni

10

Imprese REGISTRATE al 31/12/2015

36.394

 

 

Iscrizioni

Cessazioni

Saldo

2005

2.513

2.353

+160

2006

2.550

2.451

+99

2007

2.626

2.708

-82

2008

2.444

2.602

-158

2009

2.280

2.555

-275

2010

2.532

2.277

+255

2011

2.218

2.434

-216

2012

2.237

2.248

-11

2013

2.083

2.472

-389

2014

2.002

2.173

-171

2015

2.013

2.146

-133

 

 

 

Movimento turistico anno 2015

Nei movimenti extralberghieri SONO compresi i dati relativi agli alloggi ad uso turistico gestiti in forma privata

 

ITALIANI

STRANIERI

IN COMPLESSO

di cui in ESERCIZI ALBERGHIERI

Arrivi

Presenze

Arrivi

Presenze

Arrivi

Presenze

Arrivi

Presenze

 

 

2014

357.948

1.845.804

164.764

1.029.331

522.712

2.875.135

231.967

560.319

2015

370.644

2.011.108

170.492

1.132.341

541.136

3.143.449

244.964

592.857

Var. % 2015/2014

3,5%

9,0%

3,5%

10,0%

3,5%

9,3%

5,6%

5,8%

 

 

2014

180.734

1.498.973

97.019

864.704

277.753

2.363.677

54.398

219.997

2015

190.996

1.662.816

99.221

961.347

290.217

2.624.163

60.960

243.070

VAR. % 2015/2014

5,7%

10,9%

2,3%

11,2%

4,5%

11,0%

12,1%

10,5%

 

 

2014

136.696

256.824

60.054

135.424

196.750

392.248

149.016

272.834

2015

137.968

254.130

61.781

143.785

199.749

397.915

152.612

284.150

VAR. % 2015/2014

0,9%

-1,0%

2,9%

6,2%

1,5%

1,4%

2,4%

4,1%

 

 

Accessibilità

Logo cnipa accessibilità Logo attestante il superamento ai sensi della Legge n.4/2004 della verifica tecnica di accessibilità

  

Privacy      Note Legali

Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara

C.F. e Partita Iva 00292740388
Codice IPA D0YUP8
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
protocollo@fe.legalmail.camcom.it