Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Urp Sala Stampa Comunicati Stampa 2016 comunicati stampa Comunicato Stampa n. 19 - 14 marzo 2016

Supporto-Specialistico

Infogrammi interattivi della Camera di Commercio di Ferrara

Linea Amica

 
Azioni sul documento

Comunicato Stampa n. 19 - 14 marzo 2016

— archiviato sotto:
ultima modifica 14/03/2016 09:46

“DOP E IGP: ELEMENTI STRATEGICI DI SVILUPPO DEL TERRITORIO. MA DA SOLI BASTANO? TUTTO ESAURITO PER IL CONVEGNO DI DOMANI (16 MARZO) PROMOSSO DALLA CAMERA DI COMMERCIO - Al centro dei lavori l'On. Paolo De Castro, Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento Europeo

Sala Conferenze esaurita in ogni ordine di posto per il convegno “DOP e IGP: elementi strategici di sviluppo del territorio. Ma da soli bastano?”, promosso dalla Camera di commercio con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali e della Regione Emilia Romagna e in programma domani (16 marzo), a partire dalle 9.30 in Largo Castello.

 La provincia di Ferrara, con 18 prodotti certificati dall’Unione europea, è tra i leader assoluti a livello nazionale nel campo delle produzioni di qualità. Un patrimonio che la Camera di commercio, insieme alle istituzioni, al sistema di rappresentanza e agli imprenditori, intende continuare a valorizzare al meglio, attraverso azioni coordinate e strategiche per far crescere ancora un settore che vale già oggi, in Italia, 13,5 miliardi di euro. “Un mondo, quello delle imprese agroalimentari ferraresi – ha commentato Paolo Govoni, presidente della Camera di commercio di Ferrara - che non ci parla solo di competitività, di fatturati e di export, ma che richiama – ed incarna – un modello di sviluppo decisamente più a misura d'uomo, che sa tenere insieme la capacità di conquistare nuovi mercati con la valorizzazione del capitale umano, e che della coesione sociale, dei rapporti coi territori e con le comunità ha fatto un fattore produttivo determinante”.

 Con un volume prodotto pari a 1,27 milioni di tonnellate, di cui oltre un terzo esportato per un valore pari a circa 2,4 miliardi di euro in aumento del 5% su base annua ed un fatturato alla produzione di 6,6 miliardi di euro, ed al consumo di circa di 13 miliardi di euro, l'Italia rimane leader mondiale del comparto per numero di produzioni certificate. Un comparto – evidenzia la Camera di commercio - che garantisce la qualità anche attraverso i 120 Consorzi di tutela riconosciuti dal Ministero, 48 Organismi di Certificazione autorizzati, per un complessivo numero di oltre 60.600 visite ispettive e 75.700 controlli analitici.

 Come conseguenza del crescente successo del made in Italy, negli ultimi anni si è però consolidata, in termini di giro d’affari, un’economia parallela che sottrae quote di mercato ai prodotti tutelati e determina pesanti danni alle aziende che effettivamente operano nel rispetto del disciplinare di produzione e si sottopongono ai controlli da parte delle autorità pubbliche o degli enti privati autorizzati dal Ministero delle Politiche Agricole. Si tratta di un fenomeno noto come “agropirateria”, di cui sono vittime le nostre produzioni sui mercati nazionali e internazionali e che si concretizza nella presenza in commercio di prodotti non originali che evocano o imitano le denominazioni tutelate. E proprio al fine di favorire la conoscenza e la riconoscibilità dei prodotti DOP e IGP, è partita in questi giorni la campagna di sensibilizzazione del Ministero, che ha messo in campo cinque azioni specifiche (illustrate nel corso del convegno) sul fronte nazionale e internazionale (rilancio dei consumi sul mercato italiano con un accordo siglato con la GDO; rafforzamento del contrasto alla contraffazione anche sul web; focus sulle indicazioni geografiche nel piano del Governo per il sostegno all’export Made in Italy; difesa del sistema delle denominazioni a livello internazionale; Testo unico per le Dop per semplificare le norme a favore di imprese e consorzi di tutela).

 Dopo l’apertura affidata allo stesso presidente Govoni e al presidente della Provincia, Tiziano Tagliani, toccherà all’economista Guido Caselli, responsabile dell’Ufficio studi di Unioncamere Emilia-Romagna, introdurre gli elementi d’analisi sul Sistema agroalimentare provinciale. Paolo De Castro, Commissione Agricoltura e sviluppo rurale del Parlamento Europeo, tratterà dei riflessi e delle opportunità per il sistema delle imprese derivanti dai Trattati – tutt’ora in fase di negoziazione - sul commercio internazionale (TTIP), per poi passare la palla ai protagonisti della Tavola rotonda (Enrico Arcuri, Capo Segreteria Tecnica del Ministro delle Politiche agricole, Alberto Ventura, Servizio percorsi di qualità, relazioni di mercato e integrazione di filiera Regione Emilia-Romagna, Stefano Calderoni, presidente CIA di Ferrara, Sergio Gulinelli, presidente Coldiretti Ferrara, Piercarlo Scaramagli, presidente Confagricoltura Ferrara, e Andrea Benini, presidente Alleanza cooperative italiane) coordinata da Alessio Romeo, giornalista de Il Sole24Ore.

Riferimento per i Media:
Camera di Commercio di Ferrara
Ufficio Stampa
E-mail: stampa@fe.camcom.it Tel: 0532 783802 - 903

Accessibilità

Logo cnipa accessibilità Logo attestante il superamento ai sensi della Legge n.4/2004 della verifica tecnica di accessibilità

  

Privacy      Note Legali

Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara

C.F. e Partita Iva 00292740388
Codice IPA D0YUP8
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
protocollo@fe.legalmail.camcom.it