Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Urp Sala Stampa Comunicati Stampa 2011 Comunicati Stampa Comunicato Stampa n. 80 - 26 ottobre 2011

Infogrammi interattivi della Camera di Commercio di Ferrara

Linea Amica

 
Azioni sul documento

Comunicato Stampa n. 80 - 26 ottobre 2011

— archiviato sotto:
ultima modifica 26/10/2011 10:16

Roncarati: “Urgente sostenere l’export e liberalizzare il mercato interno” - IMPRESE: IL SISTEMA FERRARA TIENE MA LA VITALITÀ RALLENTA - 59 imprese in più nel III trimestre 2011 (+0,16%)

L’imprenditoria ferrarese si mantiene vitale e nuove forze continuano ad entrare nel mercato ma il battito del sistema rallenta e, per molti, aumentano le difficoltà a restare competitivi. E’ questo il profilo che emerge dai dati sulle aperture e chiusure di imprese nel terzo trimestre del 2011, diffusi ieri dall’Ente di Largo Castello sulla base dei dati del proprio Registro delle imprese.

Grazie al saldo attivo del trimestre da poco concluso, pari a 59 unità (+0,16% contro lo 0,29% del corrispondente trimestre del 2010), alla fine di settembre lo stock complessivo delle imprese della nostra provincia ha raggiunto il valore di 37.626 unità. In particolare, le 392 nuove iscrizioni rilevate nel trimestre estivo sono state il 17,8% in meno di quelle del corrispondente periodo del 2010 (quando furono 477) E, accanto a questo rallentamento, tra luglio e settembre anche le cessazioni hanno segnato il passo, facendo segnare un valore di 333 unità, il 9% in più del corrispondente trimestre dello scorso anno (366). Il riavvicinarsi delle due lame della “forbice anagrafica” testimonia, in ogni caso, delle difficoltà che l’economia ferraese sta registrando in questi ultimi anni e restituisce un saldo trimestrale di imprese positivo ma inferiore di quasi la metà (-46,8%) rispetto al corrispondente saldo rilevato nel 2010.

“Il bilancio tra aperture e chiusure di imprese resta attivo ma si va riducendo e questo è un segnale di allarme importante”, ha commentato il presidente della Camera di Commercio di Ferrara, Carlo Alberto Roncarati. “A reggere in questo momento – ha proseguito Roncarati - è l’export, quindi la priorità è rimettere a punto il sistema della promozione, valorizzando le competenze che ci sono già. Sul versante interno, per ridare slancio alla domanda occorre restituire capacità di spesa alle famiglie, aprendo i mercati alle forze più innovative, alle donne e ai giovani, il patrimonio più prezioso che abbiamo per costruire il nostro futuro”.

Il principale fattore di stabilità della base imprenditoriale ferrarese è da ricercare nella prolungata crescita delle imprese costituite in forma di società di capitale che, oramai, determinano il 14,7% dello stock complessivo di tutte le imprese registrate in Camera di Commercio. Negli ultimi tre mesi, il loro saldo è stato pari a 18 unità (circa un terzo di tutta la crescita del trimestre), ma se si estende l’analisi ai primi nove mesi dell’anno, il loro contributo appare ancora più evidente: tra gennaio e settembre le società di capitale in più sono state, infatti, ben 108.

Il secondo elemento di tenuta risiede nel contributo, ancora elevato, che le imprese individuali assicurano al flusso delle nuove iscrizioni. Un fenomeno che, sempre più, dipende dall’apporto delle imprese aperte da cittadini immigrati: nell’ultimo trimestre il loro contributo al saldo del periodo è stato di 20 imprese, pari circa alla metà dell’incremento totale.

Se si considerano i primi nove mesi dell’anno, il saldo negativo tra iscrizioni e cessazioni di imprese individuali, senza l’apporto degli imprenditori stranieri, sarebbe stato quasi il doppio.

Sotto il profilo settoriale, nel III trimestre di quest’anno molte tipologie di attività evidenziano saldi positivi, con il Commercio, le Costruzioni e i Servizi di informazione e comunicazione a dare i contributi maggiori alla crescita di luglio-settembre. In controtendenza rispetto allo scorso trimestre, saldi negativi sono invece stati registrati da Attività manifatturiere, Servizi a supporto delle imprese e settore dei Trasporti.

Da segnalare, infine, un saldo percentuale positivo, uguale a quello rilevato per il totale delle imprese, anche per le imprese artigiane (+0,16%).

 

SERIE STORICHE DEI PRINCIPALI INDICATORI

 

 Tab. 1 - Iscrizioni, cessazioni, saldi e stock delle imprese nel III trimestre di ogni anno

Anni 2003-2011 - Totale imprese - Valori assoluti e percentuali

Totale imprese

ANNI

Registrate

Iscrizioni

Cessazioni (*)

Saldi

Tassi di crescita

2003

38.459

497

425

72

0,19

2004

38.628

493

354

139

0,36

2005

38.838

441

417

24

0,06

2006

38.964

496

342

154

0,40

2007

39.002

535

415

120

0,31

2008

38.276

479

388

91

0,24

2009

37.892

488

403

85

0,22

2010

37.776

477

366

111

0,29

2011

37.626

392

333

59

0,16

Imprese artigiane

2003

10.311

185

149

36

0,35

2004

10.414

177

152

25

0,24

2005

10.470

137

140

-3

-0,03

2006

10.544

220

154

66

0,63

2007

10.516

203

198

5

0,05

2008

10.234

165

186

-21

-0,21

2009

10.006

160

197

-37

-0,37

2010

9.887

158

118

40

0,40

2011

9.820

147

131

16

0,16

Fonte: Osservatorio dell’economia della Camera di Commercio di Ferrara su dati InfoCamere, Movimprese

 (*) Al netto delle cancellazioni d’ufficio effettuate nel periodo

 

 

 

Tab. 2 – Riepilogo della nati-mortalità per forme giuridiche nel III trimestre 2011

Totale imprese e imprese artigiane

Forme giuridiche

Iscrizioni

Cessazioni (*)

Saldo III trim. 2011

Stock al 30.09.2011

Tasso di crescita III trim. 2011

Tasso di crescita III trim. 2010

 

Totale imprese

Società di capitali

57

39

18

5.542

0,32

0,62

Società di persone

43

37

6

7.836

0,08

0,35

Ditte individuali

279

236

43

23.140

0,19

0,20

Altre forme

13

21

-8

1.108

-0,72

0,18

TOTALE

392

333

59

37.626

0,16

0,29

 

Imprese artigiane

Società di capitali

6

6

0

348

0,00

0,60

Società di persone

17

25

-8

1.781

-0,45

0,33

Ditte individuali

124

100

24

7.656

0,31

0,40

Altre forme

0

0

0

35

0,00

2,94

TOTALE

147

131

16

9.820

0,16

0,40

Fonte: Osservatorio dell’economia della Camera di Commercio di Ferrara su dati InfoCamere, Movimprese

 (*) Al netto delle cancellazioni d’ufficio effettuate nel periodo

 

SETTORI DI ATTIVITA’

 

Tab. 3 - Confronto tra gli stock delle imprese registrate al 30 settembre 2001 e 2011 per macro-settori

Valori assoluti e percentuali

Settori

 

Comp.% stock settembre 2001

Comp.% stock settembre 2011

Saldi

 

Var. % stock

2001-2011

Agricoltura

28,9%

23,6%

-2.279

-20,4%

Attività manifatturiere

10,9%

10,1%

-391

-9,3%

Costruzioni

11,2%

14,6%

1.179

27,3%

Commercio e Servizi

45,4%

48,2%

636

3,6%

Altro

3,6%

3,5%

-84

-6,0%

Totale

100,00%

100,00%

-939

-2,4%

Fonte: Osservatorio dell’economia della Camera di Commercio di Ferrara su dati InfoCamere, Movimprese

 

 

Riferimento per i Media:
Camera di Commercio di Ferrara
Ufficio Stampa E-mail: stampa@fe.camcom.it Tel: 0532 783802 - 903

Accessibilità

Logo cnipa accessibilità Logo attestante il superamento ai sensi della Legge n.4/2004 della verifica tecnica di accessibilità

  

Privacy      Note Legali

Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara

C.F. e Partita Iva 00292740388
Codice IPA D0YUP8
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
protocollo@fe.legalmail.camcom.it