Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Urp Sala Stampa Comunicati Stampa 2011 Comunicati Stampa Comunicato Stampa n. 53 - 15 giugno 2011

Infogrammi interattivi della Camera di Commercio di Ferrara

Linea Amica

 
Azioni sul documento

Comunicato Stampa n. 53 - 15 giugno 2011

— archiviato sotto:
ultima modifica 21/06/2011 10:54

Un fondo per chi è alle prese con i ritardi dei pagamenti degli enti locali - LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE NON PAGA? CI PENSA LA CAMERA DI COMMERCIO - ENTRO GIUGNO LA CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE

Quello che sarà firmato nelle prossime settimane, sotto la regia della Camera di Commercio di Ferrara, è un accordo che farà passare una estate ed un autunno più tranquilli a tutti quegli imprenditori della provincia che vantano crediti nei confronti della Pubblica amministrazione e degli enti locali. Grazie all’accordo, infatti, quei crediti potranno essere ceduti alle banche che lo avranno sottoscritto a condizioni trasparenti e vantaggiose per le aziende. Il tutto sulla base di una certificazione, rilasciata dagli stessi enti locali, che garantirà la liquidità e l’esigibilità del credito.

Il 58% delle piccole imprese in Italia subisce ritardi nei tempi di pagamento delle Pubblica amministrazione quantificabili in oltre due mesi. Per più della metà delle aziende le punte di ritardo superano i sei mesi (fonte ANCE). Una più recente indagine di Promo PA stima in circa 28.000 euro il credito medio scaduto per le imprese che lavorano per la PA, con un ammontare complessivo nell’ordine degli 8,5 miliardi. “Una situazione che rende sempre più difficile “fare impresa” nel nostro Paese, soprattutto con i tentacoli della crisi internazionale che rischiano di stringere in un cappio mortale le aziende”, ha sottolineato il presidente della Camera di Commercio, Carlo Alberto Roncarati. Ecco perché sono particolarmente soddisfatto di poter offrire alle nostre imprese uno strumento concreto per superare le difficoltà collegate ai ritardi di pagamento degli enti locali. Enti che, è giusto ricordarlo, oggi sempre più spesso sono vittime dei vincoli posti dal Patto di Stabilità”.

Cosa prevede il progetto della Camera di Commercio? Alle operazioni di cessione del credito verrà applicato un tasso omnicomprensivo non superiore all’euribor corrispondente alla durata dell’operazione di sconto (o, in alternativa, all’euribor 3 mesi), maggiorato di uno spread pari all’1,50% per anno, calcolato in relazione alla durata effettiva dell’operazione, comprensivo di ogni onere e costo (interessi, commissioni di factoring, spese di istruttoria, ecc.). Resteranno a carico dell’impresa che ha ceduto il credito le eventuali spese di tenuta conto, che dovranno essere concordate e che non potranno, in ogni caso, eccedere l’importo massimo di 50 euro trimestrali, e le spese relative alla stipula/autentica dell’atto di cessione.

Subito dopo la conferenza stampa di presentazione (prevista per il mese di giugno), alla quale prenderanno parte la Provincia, i Comuni e le banche aderenti all’accordo, la Camera di Commercio avvierà, in stretta collaborazione con le associazioni di categoria, una articolata campagna di comunicazione, in modo da offrire agli imprenditori la possibilità di usufruire dell’accordo già dall’autunno, quando gli enti locali, avvicinandosi al tetto annuale imposto dal patto di stabilità, comincieranno a rinviare i pagamenti all’anno successivo.

La Giunta camerale, intanto, ha varato un contributo di 1 milione di euro a favore dei Confidi per sostenere l’accesso al credito delle imprese. Il bando della Camera di Commercio tocca tutti i settori economici della provincia (agricoltura, artigianato, commercio, cooperazione, industria e turismo) e, proprio alla luce del difficile momento congiunturale, propone straordinarie opportunità per le imprese, che potranno presentare la domanda di contributo per operazioni di finanziamento relative, tra l’altro, all’acquisto, costruzione, rinnovo, trasformazione ed ampiamento dei locali adibiti all’esercizio delle attività d’impresa; al consolidamento del debito; all’acquisto di macchinari, attrezzature e arredi attinenti alla attività svolta; all’acquisto di attrezzature e di programmi informatici; alla introduzione di sistemi di certificazione aziendale (qualità, ambiente, etica ecc.) e di prodotto; alla implementazione di programmi di ricerca applicata ai prodotti e/o ai processi produttivi ed agli investimenti tecnologici per la salvaguardia ambientale (compresi gli interventi di risanamento ambientale di immobili e fabbricati).

Per notizie più dettagliate ci si può rivolgere al Servizio “Promozione e sviluppo” della Camera di Commercio (tel. 0532/783820; e-mail: promozione@fe.camcom.it), che invita le imprese anche a consultare con attenzione il sito camerale www.fe.camcom.it.

 

Riferimento per i Media:
Camera di Commercio di Ferrara
Ufficio Stampa E-mail: stampa@fe.camcom.it Tel: 0532 783802 - 903

Accessibilità

Logo cnipa accessibilità Logo attestante il superamento ai sensi della Legge n.4/2004 della verifica tecnica di accessibilità

  

Privacy      Note Legali

Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara

C.F. e Partita Iva 00292740388
Codice IPA D0YUP8
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
protocollo@fe.legalmail.camcom.it