Camera di Commercio di Ferrara
Tu sei qui: Portale Registro Imprese e Albi Albi, Ruoli e Licenze Agenti d'affari in mediazione
Azioni sul documento

Agenti d'affari in mediazione

ultima modifica 24/07/2016 07:08
1.61904761905

Sono Agenti d'Affari in mediazione coloro i quali mettono in relazione due o più parti per la conclusione di un affare, senza essere legati ad alcuna di esse da rapporto di collaborazione, dipendenza o di rappresentanza, le disposizioni valgono anche per coloro che intendono esercitare la mediazione anche in modo occasionale o discontinuo.

La normativa prevede le seguenti categorie di agenti d'affari in mediazione:

  • agenti immobiliari
  • agenti merceologici
  • agenti con mandato a titolo oneroso per i rami immobili ed aziende
  • agenti in servizi vari

 

Normativa

D. Lgs. 26 marzo 2010, n. 59 - Attuazione della direttiva 2006/123/CE relativa ai servizi nel mercato interno - entrata in vigore 8 maggio 2010: ha modificato la normativa preesistente, in particolare, gli artt. 25, 73,80 e 85. sopprimendo il Ruolo degli agenti d'affari in mediazione

Con il Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 26 ottobre 2011 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 13 gennaio 2012,  entrato in vigore dal 12 maggio 2012, è stata introdotta la nuova disciplina per l'iscrizione nel Registro delle imprese e nel REA dell'esercizio dell'attività di agente d'affari in mediazione.

Dal 12 maggio 2012  la denuncia dell'esercizio dell'attività di agente di affari in mediazione deve essere presentata al Registro delle Imprese unicamente con la  modalità telematica della  "Comunicazione Unica" realizzata con  il software Starweb, allegando il "Modello Mediatori"  - sezione SCIA . La data di inizio attività deve essere contestuale alla presentazione della SCIA.

Informazioni di dettaglio in merito a questo e gli altri adempimenti sono contenute nella "Guida agli adempimenti per l’esercizio dell’attività di AGENTE D’AFFARI IN MEDIAZIONE" .

L'Ufficio ha 60 giorni di tempo per procedere alla verifica dichiarazioni sostitutive contute nella SCIA e , in caso di verificata assenza dei requisiti e dei presupposti di legge, per inibire la prosecuzione di attività fatto salvo, se possibile, la regolarizzazione della stessa entro il termine fissato dall'Ufficio.

 

Periodo transitorio

L'articolo 11 del Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 26 ottobre 2011 stabilisce e regolamenta un periodo di transizione dalla precedente disciplina del settore prevedento due tipologie di adempimenti a seconda che riguardino le imprese svolgenti l'attività di agente d'affari in mediazione oppure le persone iscritte nel Ruolo ma non svolgenti l'attività presso alcuna impresa.

In particolare:

  • dal 12 maggio 2012 - data di entrata in vigore del Decreto - le imprese che esercitano l'attività di agente d'affari in mediazione sono tenute a presentare, entro un anno, al Registro delle imprese - esclusivamente con la  modalità della  "Comunicazione Unica" realizzata con  il software Starweb o equivalenti - il  modello “MEDIATORI” compilato nella sezione "AGGIORNAMENTO POSIZIONE RI/REA” per ciascuna sede o unità locale. Decorso inutilmente detto termine l’Ufficio del Registro delle imprese provvederà all’inibizione della continuazione dell’attività mediante apposito provvedimento del Conservatore.
  • dal 12 maggio 2012 le persone fisiche iscritte al Ruolo che non svolgono l’attività di agente d'affari in mediazione presso alcuna impresa possono presentare, entro un anno, al Registro delle imprese - esclusivamente con la  modalità della  "Comunicazione Unica" realizzata con  il software Starweb o equivalenti - il  modello “MEDIATORI” compilato nella sezione “ISCRIZIONE APPOSITA SEZIONE (TRANSITORIO)” . Scaduto il termine l’interessato decade dalla possibilità di avere l'iscrizione nell’apposita sezione del REA. Tuttavia l’iscrizione nel soppresso Ruolo costituisce, nei quattro anni successivi al 12 maggio 2012, requisito professionale abilitante per l’avvio dell’attività.

 

Imposta di bollo e Diritti di segreteria

L' Imposta di bollo e i diritti di segreteria sono quelli previsti per le corrispondenti pratiche Registro delle imprese per l' iscrizione / modifica / cancellazione dell'attività da parte dell' impresa individuale o della società.

 

Incompatibilità e Requisiti

Incompatibilità

L'esercizio dell'attività di mediazione di cui alla legge 39/89:

  • è incompatibile con l'attività svolta in qualità di dipendente da persone, società o enti, privati e pubblici (fatta eccezione dipendenti pubblici con part-time non superiore al 50%) ad esclusione delle imprese di mediazione;
  • è incompatibile con l'esercizio di attività imprenditoriali e professionali, esclusa la mediazione comunque esercitata (anche mediazione creditizia).
  • è preclusa inoltre a coloro che sono qualificati agenti e rappresentanti di commercio.

Requisiti

Generali

  • maggiore età
  • cittadinanza italiana o della Comunità Europea ovvero stato di cittadino extracomunitario residente in Italia e in possesso del permesso di soggiorno
  • aver conseguito un diploma di scuola secondaria di secondo grado

N.B. per le società i requisiti devono essere posseduti dal legale o dai legali rappresentanti delle stesse.

Polizza Assicurativa: l’art. 3 comma 5-bis della Legge 39/1989 stabilisce che per l’esercizio della professione di mediatore deve essere prestata idonea garanzia assicurativa a copertura dei rischi professionali ed a tutela dei clienti.

Morali

  • non essere stato sottoposto a misure antimafia
  • non essere stato dichiarato interdetto, inabilitato,  fallito o condannato per reati di cui all'art. 2 legge n.39/89

Professionali

  • aver frequentato uno specifico corso di formazione ed aver successivamente superato l'esame di idoneità presso una Camera di Commercio, diretto ad accertare l'attitudine e la capacità professionale dell'aspirante in relazione al ramo di mediazione prescelto.

 

Esame di idoneità

La domanda per sostenere l'esame va presentata alla Camera di commercio della provincia nella quale il candidato ha la residenza oppure ha eletto il domicilio professionale. Vengono ammessi all'esame di idoneità per l'esercizio dell'attività di agente di affari in mediazione coloro che sono in possesso di un diploma di scuola secondaria di secondo grado e che hanno frequentato il corso di abilitazione professionale. Per informazioni in merito allo svolgimento di tale corso si invita a rivolgersi alle locali Associazioni di Categoria di riferimento.

L'esame è diretto ad accertare la capacità professionale dell'aspirante in relazione alla sezione o sezioni prescelte. Le modalità di svolgimento e le materie degli esami sono indicate nel D.M. 21/02/1990, n. 300 .

Per ottenere l'iscrizione nella sezione degli agenti immobiliari ed in quella degli agenti con mandato a titolo oneroso l'esame consiste in due prove scritte ed una orale.

Per ottenere l'iscrizione nella sezione degli agenti merceologici e nella sezione degli agenti in servizi vari l'esame consiste  una prova scritta ed una orale.

Secondo quanto disposto dall'art. 12 del D.P.R. 1926 del 6.11.1960 il candidato che non ha superato la prova d'esame puo' domandare di sostenerla nuovamente, ma in ogni caso non prima che siano trascorsi sei mesi dalla data di notificazione dell'esito dell'esame precedente.

Domanda di ammissione all'esame: modulo e costi

La domanda per l'ammissione all'esame va presentata utilizzando il modulo  qui disponibile e comporta il versamento del diritto di segreteria di € 77,00 ed una marca da bollo di € 16,00.

 

Moduli e Formulari

Il mediatore che per l'esercizio della propria attività si avvalga di moduli e formulari nei quali siano indicate le condizioni del contratto deve depositarne copia preventivamente presso la Camera di commercio competente per la sede legale nel caso in cui tali documenti vengano utilizzati anche per tutte le eventuali unità locali. Nel caso in cui l'impresa utilizzi differenti moduli/formulari riferiti a diverse unità locali, questi devono essere depositati presso ciascuna Camera di commercio territorialmente competente.

Sui moduli e formulari deve essere indicato il numero REA ed il codice fiscale dell'impresa.
Il deposito deve essere effettuato in via telematica mediante compilazione della sezione "FORMULARI" del modello "MEDIATORI" . La compilazione di tale sezione è contestuale a quella della sezione "SCIA", nel caso in cui il deposito sia contestuale all'avvio dell'attività. Negli altri casi l'invio della pratica, compilata nella sezione "FORMULARI", deve essere effettuato prima della messa in uso dei moduli e formulari oggetto di deposito.

Tessera di Riconoscimento

L'Ufficio del registro delle imprese rilascia una tessera personale di riconoscimento, munita di fotografia e conforme al modello di cui all'allegato C del decreto ministeriale 26 ottobre 2011, a tutti i soggetti attivi ad esclusione dei mediatori occasionali.
La tessera può essere rilasciata solo alle persone fisiche che a qualunque titolo (titolare, socio, amministratore, collaboratore, ecc.) svolgono attività di mediazione per conto di un'impresa costituita in forma individuale ovvero in forma societaria. La tessera ha una durata quadriennale, deve recare gli estremi identificativi del possessore con l'indicazione della data di iscrizione e della data di scadenza. Alla scadenza dei quattro anni, nel caso di prosecuzione dell'attività, è necessario presentare la richiesta di rinnovo della tessera.
Nel caso in cui l'interessato cessi l'attività di mediazione, a qualunque titolo esercitata, è tenuto a restituire la tessera di riconoscimento all'ufficio del registro delle imprese entro 90 giorni dalla cessazione dell'attività.
La tessera non può essere rilasciata a coloro che svolgono l'attività in forma occasionale e a coloro che sono iscritti nell'apposita sezione del Repertorio Economico Amministrativo, ai sensi degli artt. 8 e 12 del decreto ministeriale.
La tessera è rilasciata previa domanda da presentare con modalità cartacea attraverso l'utilizzo dell'apposito modulo o con modalità telematica tramite la compilazione del riquadro note della modulistica del Registro delle imprese (convenzionalmente modello I2 per le imprese individuali, modello S5 per le società).
La tessera personale deve essere completa della fototessera recente del richiedente.
La foto deve avere le seguenti caratteristiche, consuete a questa tipologia di documento:
• proporzioni circa 4 (altezza) : 3 (larghezza);
• la foto deve essere recente e mostrare interamente la testa e la sommità delle spalle;
• deve essere chiaramente identificabile il viso del soggetto in posizione frontale;
• non devono essere presenti altri elementi all'interno della foto.

La tessera sconta 25,00 Euro per diritti di segreteria e 16,00 Euro per imposta di bollo che viene applicata virtualmente nella tessera.

L'Ufficio, tramite apposita comunicazione, informa l'interessato del giorno a partire dal quale la tessera è disponibile per il ritiro.
Nel caso in cui la domanda di rilascio sia trasmessa con modalità telematica, la tessera sarà consegnata esclusivamente all'interessato che sarà tenuto ad esibire un documento di riconoscimento in corso di validità, al fine della sua identificazione da parte del personale camerale.

Sanzioni

L'esercizio abusivo della professione è punito con una sanzione amministrativa da un minimo di € 7500,00 ad un massimo di € 15000,00 (art. 1 comma 47 - L. 296/2006).

Il mancato deposito di moduli o formulari di cui l'agente si avvale per l'esercizio della propria attività è punito con la sanzione di € 1549,38 (art. 21 comma 1 - D.M. 452/90).

L'agente che si avvale di moduli o formulari diversi da quelli depositati è punito con la sanzione di € 516,46 (art. 21 comma 2 - D.M. 452/90).

per assistenza »

Consulta il Registro Imprese


 


 

RI Trend

Ravvedimento Operoso

« gennaio 2018 »
gennaio
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Consultazione atti depositati dagli agenti di riscossione

Questionario

Segnalazione pubblicazioni non conformi

 
Accessibilità

Logo cnipa accessibilità Logo attestante il superamento ai sensi della Legge n.4/2004 della verifica tecnica di accessibilità

  

Privacy      Note Legali

Standard

Powered by Plone ®

Camera di Commercio

Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura di Ferrara

C.F. e Partita Iva 00292740388
Codice IPA D0YUP8
Tel. 0532/783.711
Posta Elettronica Certificata
protocollo@fe.legalmail.camcom.it